banner vicenza.com guida2

Il territorio

Sapori e tradizioni antiche, come il formaggio simbolo della città, con un turismo attivissimo sia in inverno che in estate. Questa è oggi Asiago, un luogo che offre sia la tranquillità di boschi e paesaggi incontaminati, che lo svago delle sue innumerevoli attività sportive. Rinomato centro turistico della provincia vicentina, lontano dai rumori e dall'inquinamento della pianura, Asiago fa parte del famoso Altopiano dei 7 Comuni, che comprende anche altre località turistiche molto frequentate, come Gallio, Rotzo, Foza, Lusiana, Enego, e Conco.

Celebrata dai romanzi dello scrittore Mario Rigoni Stern, e immersa nella memoria storica per i fatti della seconda guerra mondiale, Asiago è oggi una delle più rinomate località turistiche invernali, grazie anche all'estensione del suo territorio, alla bellezza dei suoi panorami e all'offerta che la città è in grado di proporre agli appassionati di ogni sport, dal golf all'equitazione, dallo sci nordico al pattinaggio su ghiaccio.

Chi ama la montagna trova ad Asiago un luogo ideale per sostare, nella quiete di un paesaggio ricco di antiche malghe, di caratteristici rifugi alpini e di verdi prati che si alternano a immensi boschi e a dolci declivi. È questa la ricchezza vera di Asiago: la possibilità di praticare sport invernali ed estivi, immersi in un panorama e in un'atmosfera che hanno conservato gran parte del loro fascino antico e incontaminato, lontano dalla fretta della vita cittadina e dall'ingombro dell'edilizia moderna.

La città subì ben due distruzioni nel corso dei secoli: la prima nel 1508, anno di nascita del Palladio, ad opera di Massimiliano I, e la seconda in epoca assai più recente, durante la Grande Guerra. Se l'Altopiano si trova mediamente ad una quota di mille metri slm, l'altitudine delle vette dell'Ortigara, di Cima Undici e Dodici arriva a duemila. Raggiungere questo paradiso, in cui si può camminare per ore senza incontrare nessuno se non qualche grazioso esemplare animale, è molto facile: con la Valdastico, l’autostrada A31 che attraversa il territorio nord vicentino, oppure con cinque strade statali molto panoramiche.

I boschi asiaghesi sono un paradiso per chi ama i funghi prelibati, mentre gli amanti della buona tavola trovano nei celebri formaggi l'occasione buona per soddisfare ogni gusto: dal tradizionale Asiago, rinomato ovunque, ad altre specialità come il Vezzena e la Tosella. Ottimo anche il miele che qui si produce, come anche le saporite confetture alla frutta di bosco.

Lo sport è di casa ad Asiago: gli sciatori sanno bene che questa è la "capitale dello sci da fondo" invernale, mentre d'estate il Golf Club, con le sue 18 buche uno dei campi montani più belli d'Europa, offre emozioni "open-air" senza pari. L'aria pura e limpida di Asiago ha facilitato anche l'installazione del famoso Osservatorio astronomico, il più importante centro italiano per la visione delle stelle e del cosmo.