Pubblicato da: Redazione VICENZA.COM
Vicenza,

INNOVARE PER VINCERE. LA FORMULA DI SUCCESSO DI ARMANDO DONAZZAN

L'imprenditore vicentino, alla guida di Orange 1, gruppo leader in Europa nel settore dei motori elettrici asincroni monofase e trifase, rilancia ora la Metalpres di Castelgomberto, con un investimento di 1,4 milioni di Euro.

INNOVARE PER VINCERE. LA FORMULA DI SUCCESSO DI ARMANDO DONAZZAN

Casi di eccellenza del Well Done in Italia ci sono. Storie aziendali che dimostrano l'abilità di imprenditori di creare modelli innovativi di business, evitando di subire la trasformazione economica, sociale e culturale in maniera passiva. Come rilevato da una recente indagine di Salone d’Impresa sulle aziende venete, ricerca conclusa a dicembre 2014 e condotta su un campione di oltre diecimila imprese della regione, l'innovazione pare essere l'asset portante su cui stanno facendo leva le aziende e su cui intendono investire sempre più. Il 35% degli imprenditori ha dichiarato di aver puntato nel 2014 sull’innovazione di prodotto, il 58% spiega che su questo aspetto intende investire nel 2015. Un esempio di un format vincente è quello di Orange 1, guidato dall'imprenditore veneto Armando Donazzan. un gruppo leader in Europa nel settore dei motori elettrici asincroni monofase e trifase. Ha una capacità produttiva di oltre 1 milione di motori elettrici l’anno e 5 milioni di avvolgimenti: un riferimento importante nel mercato in più di 70 paesi. L’avvio dell’attività del Gruppo Orange1 risale al 1971, anno in cui Leone Donazzan fonda l’azienda successivamente denominata EME Spa. Il Gruppo, oggi presieduto dal figlio ha un fatturato annuo di circa 150 milioni di Euro ed impiega oltre 1000 persone dislocate in 9 stabilimenti produttivi. Orange1 attraverso le sue controllate progetta, produce e commercializza una vasta gamma di prodotti altamente sofisticati, al fine di soddisfare e, per quanto possibile, anticipare l’evoluzione dei mercati. UIn quest'ottica di costante e pianificata espansione, una nuova bandiera arancione è stata posta recentemente proprio nel territorio vicentino.
Sabato 27 giugno alle 15.30 si pone l'accento su Metalpres, acquisizione avvenuta in ottobre di quest'anno, a Castelgomberto in provincia di Vicenza con l' introduzione di una nuova pressa di pressofusione da 1600 Ton con un investimento di ben 1,4 milioni di Euro. Intervengono autorità locali ed Elena Donazzan Assessore Regione Veneto. Industrie Metalpres S.p.A. produce getti pressofusi in alluminio, nel corso degli anni l'attività principale è stata integrata con consulenza tecnica, progettazione, lavorazioni meccaniche e finitura superficiale dei getti. Ha rilevato la parte di pressofusione e di lavorazioni meccaniche di Metalpres Cenzato S.p.A. per dare continuare a fare ciò che negli anni l'ha resa uno dei top player del mercato. Attualmente Industrie Metalpres opera in quattro unità produttive, tre delle quali site nel comune di Castelgomberto (Vicenza) e una a Buzau in Romania su una superficie coperta complessiva di oltre 25000 mq. dove lavorano oltre 250 persone.
"Metalpres dal 2009 al 2014 ha avuto molte vicissitudini negative sotto un aspetto economico con il risultato che ad ottobre del 2014 è stata fatta la cessione al gruppo O1 attraverso un concordato" - spiega Armando Donazzan, presidente Orange1" - Nel 2008 prima della crisi l'azienda aveva 190 dipendenti e al momento dell'acquisizione, primo di ottobre , O1 ne ha assunti 78. Attualmente siamo in 142 e il forte slancio dato in termini di riorganizzazione ed investimenti sta portando METALPRES a ritornare ad essere nuovamente uno dei Leader di mercato.
Anche lo stabilimento in Romania, proprietà di Metalpres, è coinvolto in questo grande cambiamento con dei risultati  importanti. Il 2015 si chiuderà con un fatturato delle 2 aziende di 40 milioni di euro e 260 persone. Nel 2016 l'obiettivo è di aumentare i ricavi del 25% grazie ai nuovi ordini acquisiti negli scorsi mesi. L'obiettivo è quello di fornire al cliente, principalmente settore Automotive, non un componente a loro specifiche e quindi essere un fornitore conto terzista ma bensì essere un produttore di parti. Questo ci permette di creare valore aggiunto attraverso una relazione dove l'aspetto dello sviluppo del prodotto diventa la parte fondamentale."

Redazione VICENZA.COM
blog comments powered by Disqus