Pubblicato da: Redazione VICENZA.COM
Vicenza,

LA MATITA PIU’ BELLA DEL MONDO? SI FA A VICENZA.

Ideata dalla designer milanese Marta Giardini si chiama “Perpetua” ed ha vinto la menzione d’onore al Premio “Compasso d’oro” 2016. A realizzarla l’azienda vicentina Alisea.

LA MATITA PIU’ BELLA DEL MONDO? SI FA A VICENZA.

Un riconoscimento prestigioso alla designer milanese per la creazione dell’unica matita interamente
realizzata in Italia dalle caratteristiche uniche e dalla personalità versatile e inimitabile.
“La matita. Quella che mio nonno chiamava “il lapis”, ha sempre fatto parte della mia vita. Hb, 2b, 4b, 6b permorbide sfumature; 2h per incidere a riga e squadra. Micromine, maximine. E poi l’occasione di disegnare la MIA MATITA. Come avrei potuto rinunciare?”

Marta Giardini, designer milanese di Perpetua la matita, pronuncia questa frase con un tono quasi schivo, emozionato, sorpreso. Soprattutto sorpreso: perché la “sua matita” – presentata per la prima volta nel Giugno del 2013 al Salone Internazionale dell’Aeronautica e dello Spazio di Parigi-Le Bourget – può vantare un percorso che si potrebbe davvero definire “stellare”. Da Torino, a Vicenza - luogo di nascita di Perpetua, a Parigi, Francoforte, Londra, New York, tra premi, riconoscimenti, critiche entusiastiche, sostenitori e cultori, Perpetua la matita arriva oggi a Milano per essere protagonista del Premio Compasso d’Oro ADI: il premio d’eccellenza che riconosce non solo la bellezza ma anche la ricerca, la funzionalità, la creatività per un futuro migliore.

Attenzione all’ambiente, innovazione, tecnologia: sono le parole chiave che hanno portato alla genesi di Perpetua la matita. Realizzata in Zantech®, un materiale innovativo composto per l’80% di grafite, residuo della produzione industriale italiana degli elettrodi per il processo di elettroerosione, senza aggiunta di vernici protettive, colle o lavorazioni successive.
Perpetua la matita non sporca le mani, ha un lato piatto, che le impedisce di rotolare, scrive anche se spezzata in due (anche senza punta), è temperabile ed è dotata di una gomma alimentare che forma un corpo unico con la parte scrivente. È resistente e se cade, non si rompe, a differenza delle matite tradizionali caratterizzate dalla fragilità della mina in grafite e per questo protette dalla classica scocca di legno. L’abbinamento di gomma e grafite, risultato di un’invenzione, è ottenuto in fase di stampaggio. PERPETUA è un brevetto europeo registrato di prodotto e di processo produttivo ed è l’unica matita prodotta in Italia.
Perpetua la matita, 15 grammi di polvere di grafite da smaltire scrivendo grazie alla sua tecnologia produttiva unica ed esclusiva. Perché pochi ricordano che per produrre le matite tradizionali è necessario abbattere alberi.
Un “oggetto comunicante” creato dalla condivisione di valori e competenze di un gruppo di professionisti che hanno riversato in essa quegli elementi di originalità che la rendono unica e speciale.
Nel nome di Perpetua, quindi, il nome di molti altri oltre a quello di Marta Giardini: Susanna Martucci di Alisea che ha legato l’idea allo spirito commerciale; Vittorio Ferrero e Cristina Poli che, sul fronte industriale, si dedicano al recupero della grafite; Andrea Zandonà che, come esperto di processi produttivi ha dato vita allo Zantech®; Marco Bertolini che, per mezzo della creatività grafica e della fotografia, ha conferito a Perpetua la matita la sua identità visuale; Alberto Zavatta che, con la sua visione strategica e le competenze di comunicazione, dà voce al messaggio di Perpetua.


Il Premio Compasso d’Oro ADI è promosso e organizzato da ADI Associazione per il Disegno Industriale in collaborazione con Fondazione ADI. Il Premio è destinato a beni caratterizzati da una progettualità avanzata e culturalmente consapevole, eticamente responsabile verso l’individuo, la società e l’ambiente, propulsiva di nuove qualità materiali e immateriali.
(www.adi-design.org/compasso-d-oro.html)

Dopo la cerimonia di premiazione del 14 Giugno, Perpetua e gli altri oggetti del Premio Compasso d’Oro ADI saranno esposti in una mostra dedicata presso Palazzo Isimbardi (via Vivaio 1, Milano; 15-22 giugno, dal lunedì al venerdì ore 9-18. Sabato e domenica chiuso).

Redazione VICENZA.COM
blog comments powered by Disqus