Pubblicato da: Redazione VICENZA.COM
Vicenza,

LINO DAINESE E’ IL NUOVO PRESIDENTE DEL CISA

Dopo i successi motociclistici con Valentino Rossi porterà una nuova visione anche nel centro studi dedicato ad Andrea Palladio più autorevole al mondo.

LINO DAINESE E’ IL NUOVO PRESIDENTE DEL CISA

E’ Lino Dainese il nuovo presidente del Centro Internazionale di Studi di Architettura Andrea Palladio.
Prende il posto lasciato vacante da Lia Sartori per le vicende giudiziarie legate al Mose ma a cui va ricosciuto il merito di aver svolto in questi anni un grande lavoro di promozione internazionale dell'immagine di Palladio e di Vicenza. Durante il suo mandato infatti si è svolta la famosa mostra per il cinquecentenario palladiano che dopo i successi di Vicenza è stata richiesta in tutto il mondo.
Forse anche per questo la scelta del successore è ricaduta su un “outsider”, che però ha sicuramente i numeri giusti per stupire anche in questo ambito, solo apparentemente lontano dalla sua formazione.
Sessantasei anni, imprenditore di fama internazionale, ha rivoluzionato la sicurezza dei motociclisti e degli sport dinamici, collaborando con Nasa e MIT di Boston e Politecnico di Milano. C’è il suo “zampino” dietro i successi dei più grandi campioni di motociclismo del mondo, primo fra tutti il mitico Valentino Rossi.
Premiato con il "Compasso d'oro" dalla triennale di Milano nel 2001 e con il Premio Masi nel 2009, è da sempre appassionato d’arte di cui conosce bene anche i meccanismi di gestione, per essere stato per sette anni nel consiglio di amministrazione del MART di Rovereto. Ha creato lui stesso il "503 Mulino", uno spazio no-profit dedicato all’arte, con lo scopo di dare spazio a giovani artisti e divulgare la cultura dell’arte contemporanea nel territorio. Il suo avvicinamento alle opere di Andrea Palladio però non è dell’ultima ora. Siede infatti nel consiglio del CISA già dal 2007.

"Sono onorato, e anche un po' preoccupato - dichiara Dainese - di essere chiamato a presiedere una istituzione che in questi anni ha raggiunto a traguardi eccezionali.
Con il consiglio scientifico e il consiglio di amministrazione affronteremo insieme la sfida più importante per le istituzioni culturali di questo momento, in cui la società civile è chiamata ad affiancare gli enti pubblici per garantire un futuro a centri di eccellenza come il CISA.  Dovrà essere una azione improntata ad una nuova mission e una nuova visione che ponga al centro i giovani, i loro sogni e il loro futuro".

Redazione VICENZA.COM
blog comments powered by Disqus