Pubblicato da: Gaetano
Vicenza,

Montecchio: Soffre, Rimonta e Vince.

Ecco la prova di maturità richiesta da Bertolini nel pre partita. S.lle Ramonda-Ipag piega Perugia con Kosareva come braccio armato.

Montecchio: Soffre, Rimonta e Vince.

Siamo alle solite e S.lle Ramonda-Ipag Montecchio vince tra le mura del PalaCollodi, confermando la grande crescita di tutti i componenti della rosa che a turno prendono per mano le compagne e le conducono alla vittoria con prestazioni che esaltano compagne e pubblico.

Fiore porta avanti Perugia con un bel lungolinea ma Kosareva e Bovo rispondo immediatamente e portano avanti Montecchio 4-2. Perugia risponde bene accorciando il punteggio e trovando un gran punto con Pascucci che salta sopra al muro castellano. Il match prosegue sul filo dell’equilibrio con le formazioni che continuano a scambiarsi le posizioni in testa. Bartoccini Perugia comincia ad ingranare e le giocatrici di maggior spessore mostrano il loro valore come Repice, che sembra avere le molle al posto delle gambe e salta sopra al muro di Brutti e compagne. Bertolini approfitta del time-out per dare indicazioni alla squadra che assimila e si porta 16-14 con l’attacco di Kosareva. Bartoccini Perugia sul punteggio di parità (20-20) riesce a trovare una buona fase in battuta con un ace fortunato ed una ricezione precaria di Montecchio, portandosi avanti di tre e poi chiudendo i conti con la fast fuori misura di Brutti (21-25).
L’inizio di secondo set sembra la fotocopia del primo con l’equilibrio che regna sovrano. Montecchio cerca di scappare nel punteggio con Brutti in grande spolvero. Bovo continua ad alzare il livello del suo gioco ed anche oggi sta offrendo un grande prestazione con delle belle azioni a muro. Con il punto che segna il 13-8 si inscrive alla gara anche Pamio. La formazione di casa prende il largo, guidata dalle sue attaccanti. Perugia tenta di rientrare in gara ma capitan Brutti ha idee bellicose e continua ad essere decisiva in questo set sfoderando una grande prova in attacco ed a muro. Il set-point è frutto proprio della capitana rossoblu che cancella l’attacco dell’avversaria con un super muro che non lascia scampo alla formazione umbra (25-19).
Perugia parte forte nel terzo parziale approfittando anche di uno sbandamento di S.lle Ramonda-Ipag che costringe Bertolini a chiamare il time-out sul 5-9. Un primo tempo, ballerino, di Bovo riporta il punteggio in parità con Montecchio che si impone con un parziale di 4-0. Perugia risponde alla grande con Lotti sugli scudi e si riporta avanti 11-16. Bertolini cambia il palleggio inserendo Stocco per Giroldi dando più centimetri al muro castellano e Montecchio accorcia fino al 17-18 grazie ad un ace di Pamio. S.lle Ramonda-Ipag dimostra ancora una volta di avere un grande carattere. Bertolini inserisce Fiocco e Montecchio ha una scossa ed annulla 4 set-point a Perugia e si portano anche in vantaggio, il 27-25 arriva con Kosareva che attacca dalla seconda linea mirando al muro avversario e conquistando così il set, dopo una rimonta pazzesca (7-1 di parziale) che ha visto proprio l’attaccante castellano grande protagonista.
Quarto set che riparte come si era concluso il precedente: Montecchio vola sulle ali dell’entusiasmo e sul 4-0. La formazione allenata da Bovari non ci sta ad uscire così dalla partita e dopo il time-out chiamato, ritorna in campo e sistema il punteggio trovando nuovamente il pareggio. Montecchio sembra comunque aver messo le mani sul volante del match, sfruttando bene i tanti errori in battuta delle umbre che in questo quarto parziale sembrano aver perso efficacia. Lucchetti timbra il 21-16 con un punto che sprigiona una velocità su cui Perugia non può nulla scatenando il pubblico del PalaCollodi. Bartoccini Perugia, riesce ad annullare 3 match-point a Montecchio prima che l’invasione delle umbre segnasse il punteggio finale di 3-1.

Mister Bovari a fine partita è chiaramente deluso per la partita:

“Siamo partiti molto bene trovando buone percentuali in attacco, poi nel secondo set Montecchio ha fatto una grande partita ed ha pareggiato l’incontro. Poi sul finale di terzo set siamo scesi di intensità mentale più che fisica e li Montecchio ha fatto veramente bene perché ha annullato molte palle set per poi rigiocarle in maniera efficace. Poi nell’ultimo set c’era poco sa fare, siamo completamente calati a livello mentale e non abbiamo avuto la forza di riprenderci, oltretutto le nostre avversarie hanno tenuto ancora una volta un gran ritmo. Ora dovremo lavorare più sotto l’aspetto psicologico che quello fisico e ritrovare il killer instict che hanno sempre contraddistinto le nostre attaccanti”. 

Il tecnico di casa Marcello Bertolini commenta con un gran sorriso:

“Direi che la prova di maturità è stata superata, con una piccola riserva per il primo set dove abbiamo commesso un po’ troppi errori in battuta e non abbiamo fatto bene la fase di palla rigiocata. Certamente il terzo parziale è stato quello più emozionante con quella rimonta incredibile con Dayana che ha mantenuto il servizio a lungo. La maturità di questa squadra la si nota nei suoi componenti, perché venivamo da una settimana complicata per diversi acciacchi, infatti Marcolina è stata a mezzo servizio, però anche oggi quando ho inserito Lucchetti e Fiocco hanno fatto veramente bene, dimostrando che possiamo contare su tutta la formazione”. 

S.lle Ramonda Ipag Montecchio 3
Bartoccini Gioiellerie Perugia 1

RAMONDA IPAG MONTECCHIO: Bovo 7, Brutti 9, Marcolina 9, Kosareva 19, Stocco, Fiocco 2, Lucchetti 3, Pericati (L), Giroldi 1, Pamio 10. Ne. Fontana. All. Bertolini.

BARTOCCINI GIOIELLERIE PERUGIA: Puchaczewski, Mazzini, Mancinelli 3, Fiore 5, Lotti 20, Garcia 10, Giampietri (L), Rimoldi, Repice 12, Pascucci 16. Ne. Fontana. All. Bovari. 

Parziali: 21-25, 25-19, 27-25, 25-21.

Arbitri: Santoro e Licchelli

Note: Durata set: 24’, 24’, 28’, 28’; totale 1h 44’. Montecchio: battute sbagliate 10, vincenti 6, muri 9. Perugia: battute sbagliate 16, vincenti 5, muri 7. Ricezione: Montecchio 60%, Perugia 60%. Attacco: Montecchio 35%, Perugia 37%. 

Ufficio Stampa Unione Volley Montecchio Maggiore
blog comments powered by Disqus