Pubblicato da: Redazione Vicenza.com
Vicenza,

PIERACCIONI \"IMPIEGATO\" DELLA BANCA POPOLARE DI VICENZA

Leonardo Pieraccioni questo Natale veste i panni dell’impiegato di banca, in \"Un fantastico via vai\" (nei cinema dal 12 dicembre), girato tra gli sportelli della Banca Popolare di Vicenza, dove lavora il protagonista.

Alla soglia dei 50 anni il «toscanaccio» interpreta Arnaldo Nardi,capofamiglia medio borghese con una vita apparentemente risolta. Lamoglie bellissima, Serena Autieri, un lavoro sicuro nella filiale dellabanca veneta, due gemelle, la station wagon e un villino tra le vallatearetine, da cui per un equivoco viene cacciato. 
\"\" Ed è così costretto ad affrontare un viaggio indietro nel tempo, tornando per un po’ ai tempi dell’università con i giovani coinquilini, un gruppo di studenti ventenni che divideranno con lui non solo un appartamento, ma il suo breve ritorno all’età dell’oro e la sua esperienza da «fratello maggiore».

È un Pieraccioni diverso, ma sempre divertente, che si corregge il colore della barba col rimmel. Questa volta non mette in scena l’esordio di una bella storia d’amore, ma un amore solido. Arnaldo ha una vita di routine «una sequenza invariata di azioni in cui sguazza come un savoiardo nel tiramisù». E si accorge che a volte occorre spezzare i punti fermi e un equilibrio troppo stabile, senza rimanere vittime della «sindrome di Peter Pan», per rispondere a quella domanda che a 50 anni si fanno in tanti: «Dove vi fermereste con la macchina del tempo?»

  È solo vivendo il sogno di esplorare nuove terre con una caravella, laSanta Maria, che Arnaldo capisce di stare bene nel suo porto sicuro.Alla squadra rodatissima, con gli intramontabili Ceccherini ePanariello, Pieraccioni aggiunge una nuova interessante coppia comica, icolleghi di banca Giovannelli ed Esposito, gli attori comici MaurizioBattista e Marco Marzocca. Nella produzione del film il gruppo BancaPopolare di Vicenza, che dal 2010 ha investito 10,5 milioni di euro indiversi film di successo.
blog comments powered by Disqus