banner vicenza.com guida2

Museo Diocesano

Il Museo Diocesano di Vicenza è il più giovane della città di Vicenza, situato nel “cuore sacro” della città, la piazza del Duomo, che raccoglie le suggestive architetture della Cattedrale gotica, il Palazzo Vescovile, il Palazzo delle Opere Sociali, il campanile romanico, l’Oratorio del Gonfalone e l’accesso al Criptoportico Romano. Questo grande spazio espositivo che abbina un’architettura antica ad un allestimento contemporaneo, raccoglie oltre duemila anni di testimonianze di arte sacra vicentina, offrendo un percorso che si sviluppa dalle fondamenta della città fino al tetto, diviso in aree tematiche.

La preziosissima sezione di archeologia cristiana con cimeli dalla chiesa martiriale dei santi Felice e Fortunato e dalla Cattedrale, prosegue come una macchina del tempo nell’arte liturgica e religiosa con opere provenienti dalle più antiche chiese del territorio vicentino. Al primo piano una collezione di dipinti testimonia l’arte sacra tra il ‘400 e l’800, con pale d’altare e opere religiose di formato più contenuto.
Una raffinata raccolta di oreficerie sacre collocate nello scrigno della rinascimentale Loggetta Zeno ruotano attorno all’emblematico Reliquiario con la Spina della Corona di Gesù, tempestato di pietre preziose. Il percorso è arricchito da una selezione di paramenti liturgici tra cui emerge il raro Piviale dei Pappagalli risalente al XIII secolo, oltre allo sfarzoso corredo liturgico proveniente dalla cappella di Villa Fogazzaro a Montegalda del marchese Giuseppe Roi.
La sezione dedicata ai manoscritti espone libri corali, la Bibbia Atlantica e pergamene di argomento giuridico, continuamente rinnovati e proveniente dagli archivi del Capitolo e della Diocesi. Di grande interesse e curiosità appaiono le collezioni di mons. Nonis tra cui spiccano le ricchissime raccolte etnografiche, provenienti da Asia, Africa, Oceania e Sud America, le coloratissime sfere di minerali e le croci copte.