Pubblicato da: Michela
Vicenza,

A tavola con le streghe di Castegnero

Tutto esaurito per i misteri dei sabba svelati dallo scrittore Tommasino Giaretta

A tavola con le streghe di Castegnero

A due settimane prima dell’evento già si registra il tutto esaurito per la cena letteraria Sabba-to di Mistero a Castegnero, evento inserito del calendario regionale Veneto Spettacoli di Mistero, che si terrà sabato 8 novembre presso la tenuta Il Rovere di Castegnero.

 

Organizzata dalla Pro loco di Castegnero con la consulenza della progettista territoriale Menegus Michela, la serata si prospetta assolutamente una novità nel panorama della tradizione letteraria dei Berici in quanto lo scrittore e giornalista Tommasino Giaretta rivelerà sottoforma di prosa i segreti dei luoghi delle streghe  tra la Grotta Murata e Valletta di Sant’Antonio, raccolti durante le sue escursioni naturalistiche e strappati ai ricordi di chi quelle storie continua a tramandarle oralmente.

 

L’attrazione letteraria, animata dallo stesso Giaretta, uno degli autori più rappresentativi del festival regionale, si innesta in una location più che suggestiva: la tenuta “Il Rovere, raffinato casolare seicentesco immerso nel in un bosco di roveri,  faggi e secolari ulivi che caratterizzano, unitamente ai ciliegi, il paesaggio tipico dei Colli di Castegnero.

 

Nell’impagabile contesto ambientale e architettonico, si consumeranno anche dei peccati di gola. Tra un racconto e l’altro, sarà servita una cena con i prodotti principi del territorio: le ciliegie DE.CO. di Castegnero e l’olio extravergine d’oliva D.O.P.. L’unione di questi due preziosi prodotti ha ispirato alla Pro loco di Castegnero un menu stagionale con altri pregevoli prodotti a km 0 come i funghi pioppini della vicina Costozza, i formaggi delle latterie locali, il miele dei Berici, e i prodotti DE.CO. come il radicchio di Asigliano e i vini del paese.

 

Il piacere della tavola sarà quindi in linea con l’importante proposta di intrattenimento: si sposerà con la poetica dello scrittore Giaretta e con il pathos della fisarmonica di Bruna Patera;  giocherà infine sul doppio registro linguistico della proposta letteraria della serata: la lingua italiana e il dialetto vicentino.

 

Ecco dunque svelati gli ingredienti di un successo annunciato!

Michela Menegus
blog comments powered by Disqus